Inaugurazione ferrata Farina del Diavolo – Radime

Palestra di roccia da tempi non sospetti la parete a destra della cascata della Radime si è arricchita di una ferrata spettacolare, nuova e tecnicamente rispondente alle nuove normative europee.
Una delle prime progettate da un ingegnere e guide alpine insieme, per noi dal CAI una sorta di banco di prova per valutare le future manutenzioni sulle numerose ferrate esistenti.
Grazie al Comune di Villa Santina che ha seguito tutto il progetto e alle guide alpine di InMont che lo hanno realizzato.
Anche noi siamo stati invitati alla inaugurazione che si è tenuta ieri, 8 settembre, ultimo giorno dei tre di eventi dedicati al Parco delle Colline Carniche a Villa Santina.

A breve faremo seguire un dettagliato articolo o pagina riguardante la nuova ferrata con tutti i dettagli

3 pensieri su “Inaugurazione ferrata Farina del Diavolo – Radime

  1. Italo Giovannini

    L ho percorsa ieri 29 settembre. Non mi è parsa particolarmente difficile grazie alle attrezzature disposte in quantità, forse anche troppa….
    In ogni caso un plauso agli organizzatori per aver allestito questa simpatica via ferrata che credo non voglia competere con quelle classiche delle nostre Alpi e Dolomiti, ma invece ti concede di divertirti un paio d ore non troppo lontano da casa.

    Rispondi
    1. Pit Autore articolo

      L’idea e la realizzazione sono state del comune di Villa Santina, come dice lei una ferrata diversa dalle classiche, ma non realizzata in ambito montano, anzi lungo una parete che è adibita a palestra di roccia dalla notte dei tempi.
      Si tratta della seconda ferrata in regione ad essere costruita secondo le nuove normative 2017, quindi con l’intervento di geologo, ingegnere e relative relazioni e calcoli strutturali. La prima è quella del Vajont.

      Rispondi
  2. daniele

    Fatta il 15 ottobre, mooooolto bella e divertente. Costruita per dare sicurezza e soddisfazione, impegna il giusto ed il ponte è un particolare che da il tocco magico alla risalita. Purtroppo sono dovuto salire in fretta in quanto minacciava pioggia ( circa 1 ora e 20 ). Appena trovo una bella giornata la rifaccio con tutta la calma che merita.
    Di ritorno a Villa Santina mi sono perso in quanto non ho trovato indicazioni che dovevano portarmi al parcheggio, sono finito in mezzo agli orti e grazie alla gentilezza dei proprietari ho raggiunto la statale, da li verso la macchina.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *